ASMOC 04

ACUSMATIQ SOUNDMACHINES MODULAR CIRCUS

Torna con la sua quarta edizione uno degli eventi più singolari nel mondo della musica elettronica, un formato inaugurato tre anni fa da Acusmatiq che prende spunto dal rinnovato interesse, in tutto il mondo, verso i sintetizzatori modulari.

Tredici talentuosi performers, ciascuno con un sistema di sintesi modulare, daranno vita, sulla banchina della Mole Vanvitelliana ad una vasta proiezione di suoni sintetici che attraversano i generi e le convenzioni.

Qui di seguito tutti gli artisti che si esibiranno.

GLI ARTISTI

ALESSANDRO BONINO

Alessandro Bonino nasce a Cuneo diversi anni fa. Poco dopo ha cominciato a fare rumori con un magnetofono Castelli. Ha inventato la dieta dei sintetizzatori modulari.

ALESSANDRO BUGGIO

Padovano classe 1985 dall’età di 13 anni inizia a suonare la batteria, intorno ai 19 anni l’incontro fatale con un Minimoog e da qual momento inizia la totale folgorazione per gli strumenti elettronici sopratutto sintetizzatori modulari e anticaglie che producono l’effetto di eco di qualunque forma. La sua attività musicale è molto spesso di ricerca in studio anche se a volte si concede qualche live pubblico.

ALINA KALANCEA

Si avvicina al mondo modulare solo un paio di anni indietro , si fa conquistare e trascinare dai modi poco convenzionali di costruire e demolire suoni , come una poesia dei sogni.

Assembla da sola moduli che poi utilizza , non ama parlare di se , nel tempo libero doma draghi.

BRANDO TORRI

Classe 1975, assembla rumore dal 1999

Artista eclettico, pittore e musicista in bilico tra action painting e sound designing; dj e producer, performer in musei e istituti di cultura, dal 1999 produce, tra Messico e Italia, alcuni album, remixes, tracce sparse e colonne sonore tra i quali spiccano un lavoro a due mani di matrice concettuale (avantgarde noise jazz) con il sassofonista messicano jaime aldaraca ed altri talenti della scena messicana (Torri-Aldaraca ensemble) e le sue ultime produzioni e innumerevoli live sets elettronici con alcune etichette emergenti della scena dance internazionale (Seven Records-Citylow).

DR. GUARDI

Dr.GUARDI è Diego Dioguardi che fa diverse cose tra cui soundscape teatrali usando aggeggi patchabili e lfo handmade, preferibilmente sovietici.

DAVIDE MANCINI

Ingegnere elettronico appassionato di musica elettronica,, a quarant’anni suonati (elettronicamente) fonda soundmachines inventando e costruendo macchine per dare nuove possibilità a musicisti elettronici e performers. L’approccio alla performance è quello non determistico dell’improvvisazione a metà tra il rumorismo e la riflessione ritmica.

ENRICO COSIMI

Tau Ceti (a.k.a. TauCeti, a.k.a. Enrico Cosimi)

Nato a Roma molti anni orsono – più di quanto sia lecito ipotizzare, suona Musica Elettronica dagli Anni 70 con le sue macchine analogiche; in Italia, ha pionierizzato la sottile minaccia della Drone Music e l’altrettanto minacciosa Ambient Music. Tau Ceti ama la costruzione orizzontale, congelata, non ritmica e le micro tonalità elettroniche auto evolventi. “L’oscuro signore dei sintetizzatori” (così è stato definito in una recensione… roba da non credere) ha pubblicato diversi album com solista e in collaborazione con altri musicisti elettronici (Oöphoi, Theatrum Chemicum) per le etichette Hypnos, Umbra, Sub Rosa, Arya, MusicaMaximaMagnetica, eccetera. Negli ultimi 15 anni, ha svolto attività di beta tester per diversi produttori di sintetizzatori analogici e digitali, ha condotto una selezionata attività di live improvisation. Ha pubblicato tre manuali sulla programmazione dei sintetizzatori. Correntemente, insegna Musica Elettronica presso l’Università di Roma – Tor Vergata e Sintetizzatori Virtuali presso il Conservatorio di Musica S. Cecilia in Roma. Odia la tombola.

FRANCESCO TRIVILLINO

“Francesco Trivilino alias _TheNoise_

Cacciatore di suoni, di rumori, di strumenti inusuali che modifica e riconverte in sorgenti ritmiche e/o melodiche, che poi incorpora e rielabora nei suoi Set. Ogni live contiene una parte unica e irripetibile di improvvisazione a decoro di strutture rigide e ben delineate. “

GIANNI PROIETTI

“Gianni Proietti, conosciuto da molti con il nome d’arte “Gattobus”. Il suo canale YouTube conta circa 6 milioni di visualizzazioni e più di 10.000 iscritti.  https://www.youtube.com/user/gattobus

Le sue composizioni musicali e dimostrazioni di sintetizzatori di varie marche sono tra i più visualizzati e apprezzati in rete. Il suo ultimo album è stato realizzato interamente utilizzando un modulare eurorack ed ha riscosso un ottimo successo a livello internazionale.  https://gattobus.bandcamp.com/album/threads

Specialista e grande appassionato in strumenti musicali di ogni tipo, insegna di sintesi del suono in diverse scuole di musica della Toscana e svolge attività di sound designer e dimostratore per aziende del settore.”

 

LEONARDO GABRIELLI

Leonardo Gabrielli è Dottore di Ricerca (PhD) in Ingegneria Elettronica (Università Politecnica delle Marche) e da sempre è impegnato in attività di ricerca e sviluppo in ambito di sintesi sonora, Digital Signal Processing e wireless networking.
Dal 2010 collabora con ricercatori nazionali e internazionali (Aalto University, Edinburgh University, Casa della Musica Parma, Università di Udine, Technische Universität München, Budapest University) e con Viscount International Spa in qualità di sound designer, ricercatore e sviluppatore. I suoi recenti interessi sono legati al Machine Learning per la generazione sonora e la modellazione fisica.
Nel 2017 è docente per il corso di perfezionamento in Computer Music Production presso l’Università Politecnica e per Marche Music College.

Dal 2013 si affianca allo staff del festival Acusmatiq per seguire la direzione scientifica di seminari e tavole rotonde e la direzione tecnica delle performance esclusive del festival, come SoundTRACKS (feat. Future Sound of London) o Waterfront e Maritime Rites di Alvin Curran, sonorizzazioni live di ampi spazi che sfruttano la tecnologia WeMUST sviluppata presso l’ateneo marchigiano.

Si dedica in maniera discontinua all’attività creativa, utilizzandola come supporto inventivo per le attività didattiche e di ricerca. Durante lo studio della chitarra elettrica dall’età di 10 anni, attraverso il Progressive Rock indirizza i propri interessi concentrandosi su ritmica e sound design sottrattivo. Successivamente abbandona la chitarra in favore di strumenti elettronici autocreati e nel 2011 esordisce come KeinReverb, performance polistrumentista a cavallo tra post-rock, satira e contaminazioni contemporanee. Negli anni recenti si è esibito con synth modulari software connessi su rete IP, con un arrangiamento in chiave elettronica del repertorio psyc dei Beatles, ed altri divertissment musicali.

LUCA DRONI

Luca Droni classe 1980,

cresciuto sulle basi della cultura cyberpunk e psichedelica,

si è approcciato alla musica come tastierista, alla fine degli anni 90, in particolari modo verso la scena prog/metal/industrial dell epoca.

dopo qualche anno, entrò in contatto con il movimento rave italiano ed europeo.andando a sviluppare la propria vena artistica psichedelica.

a metà degli anni 2000,Luca si inserisce nella scena psytrance italiana & internazionale proponendo i suoi 2 progetti principali : ComaSector & Void Controller, 

il primo, darkpsy techno/trance, il secondo downtempo/IDM,

accumunati da una vena industriale, old school EBM, e aperture drone cinematiche.

dal 2012 produce tramite il proprio studio/etichetta indipendente “VoidoScope”,tutti i propri progetti,raccolte, ed è aperto ad eventuali collaborazioni.

per ASMOC sarà lieto di presentate i suoi ultimi lavori di improvvisazione con modulari e proiezioni laser connesse.

LUCA MINELLI

Torinese, classe 1983, Luca Minelli cimpara ad amare i sintetizzatori nel 2005 guardando in una casa, a Firenze, dei ragazzi davanti a Propellerhead Reason

Ha pubblicato nel 2009 e nel 2010 diversi ep: “Dance This Alone” (Miraloop) dal sapore molto retro-elettronica e “Vaseline” (Miraloop).

Nel 2011 fonda Synth Cafè, la più grande community Facebook italiana dedicata al mondo dei sintetizzatori, collaborando e supportando diverse realtà come il Maze Music Experience di Torino, Il Meff di Firenze, Last Floor Studio, (una radio che trasmette i brani degli utenti di Synth Cafè) e l’Accademia di Cinema e Televisione Griffith di Roma.

Al momento ha formato un piccolo team di sviluppo per la creazione di strumenti totalmente analogici che presto verranno alla luce.

La presenza di Synth Cafè all’Acusmatiq di Paolo Bragaglia sancirà una nuova esaltante collaborazione con uno degli eventi musicali più interessanti dell’anno.

STEFANO FAGNANI

Nato e cresciuto in una città sul mare, affascinato dalla natura e con una forte indole da sognatore, Stèv compone musica che unisce emozioni ed influenze differenti, indagando le svariate sfaccettature tra strumentale ed elettronica, cogliendo ispirazione praticamente da ogni cosa. Polistrumentista e produttore, costantemente impegnato ad affinare le sue abilità musicali, ha anche studiato come tecnico del suono per consolidare le sue conoscenze tecniche a livello professionale, attratto non solo da melodie ed armonie ma anche dal suono e dalla sua manipolazione: ne derivano brani che uniscono strumenti musicali, strumentazione analogica / digitale, percussioni fatte in casa e field recordings ad un’intricata programmazione elettronica, oscillando tra future sounds e minimalismo strumentale. Il suo ultimo lavoro si chiama Broken Mamori ed la prima uscita del neonato collettivo artistico Variables, di base a Torino. Il disco è concentrato in sei brani molto intensi ed è stato promosso da Resident Advisor ed XLR8R, mediante la diffusione del singolo Scattered Steams / Dense Water, accompagnato da un intrigante video in computer grafica realizzato dal visual artist Cy Tone.